Sportello Orientamento gratuito Numero verde 333 79 41 245
concorso-ata-24-mesi-invio-domande

Concorso ATA 24 mesi, quando inviare le domande e altre info

Consulta gratuitamente AteneiOnline

Contattaci per ricevere informazioni su Atenei e Corsi di Laurea

Concorso personale ATA 2024, cosa c'è da sapere

Il Ministero dell’Istruzione ha recentemente annunciato l’apertura dei concorsi per il personale ATA, basati unicamente su titoli, per l’anno scolastico 2024-2025. Questi concorsi sono destinati a formare le graduatorie ATA 24 mesi che saranno impiegate per le assunzioni e le supplenze nel prossimo anno scolastico.

Gli interessati possono inviare le loro domande a partire dalle ore 9:00 del 10 maggio fino alle 14:00 del 30 maggio 2024, esclusivamente attraverso il sistema telematico “Istanze on Line (POLIS)”.

I bandi regionali devono essere pubblicati entro il 9 maggio 2024, dando tempo agli aspiranti di preparare e presentare le domande. Una delle novità di questo concorso è la possibilità per i candidati di dichiarare il servizio prestato fino al 30 giugno 2024, anche se temporaneo, grazie a una decisione del Governo del 19 febbraio che estende la durata dei contratti temporanei fino a questa data.

Per essere ammessi al concorso, i candidati devono soddisfare specifici requisiti. In particolare, chi non è già inserito nelle graduatorie permanenti deve aver prestato almeno 24 mesi di servizio, anche non continuativi, in posti corrispondenti al profilo professionale per il quale si concorre, o in posti di profili professionali superiori entro il personale ATA.

Tale servizio può includere periodi lavorati in scuole italiane all’estero, purché certificati dal Ministero degli Affari Esteri, e si considerano validi anche i servizi prestati fino all’anno accademico 2002/03 come collaboratore scolastico o assistente amministrativo in specifiche istituzioni artistiche statali.

È rilevante notare che il servizio svolto nelle regioni autonome di Trento e Bolzano, o nella Valle d’Aosta, non è riconosciuto per questi concorsi, a meno che non sia stato un rapporto d’impiego diretto con lo Stato.

Il Ministero ha inoltre chiarito che i candidati possono essere inquadrati come “personale ATA a tempo determinato della scuola statale” anche se non stanno attualmente lavorando nella stessa provincia o profilo professionale per cui si concorre, purché siano inseriti nelle graduatorie provinciali ad esaurimento o negli elenchi provinciali per le supplenze.

Leggi anche:

 

Aumenta il tuo punteggio in graduatoria con Ateneionline:

  • Corsi riconosciuti dal MIUR
  • Valutazione del piano di studi
  • Agevolazioni esclusive
  • Iscrizione facilitata
  • Nessun costo aggiuntivo
Consulta i nostri esperti

Contattaci per ricevere gratuitamente informazioni su Corsi e Master per Docenti

Richiedi informazioni